SMACH.

Costellazione di arte, cultura e
storia nelle Dolomiti, 2017

 
 
 
 
ALUG_Gustav-Willeit_IMG_8226_GW_2.jpg

Il progetto.

 
 

SMACH è una costellazione di arte, cultura e storia nelle Dolomiti. È una mostra a cielo aperto che si avvale del binomio “arte e natura”, dove quest’ultima funge da luogo per le azioni artistiche, progettate e ideate specificamente per i vari siti. Trattasi di un concorso d’arte internazionale che quest’anno è arrivato alla sua terza edizione. Gli artisti selezionati hanno realizzato le loro installazioni in 9 località d’interesse storico-culturale nei comuni di San Martino in Badia e Marebbe. Le opere artistiche hanno lo scopo di suscitare l’interesse per l’arte e di valorizzare il territorio dolomitico nel quale sono immerse. Attraverso il dialogo fra arte e natura si vuole sostenere una conoscenza approfondita e in fieri degli aspetti storici, culturali e tradizionali del territorio. I visitatori saranno coinvolti sul versante emotivo da una prolifica combinazione tra natura straordinaria, architettura senza tempo e arte contemporanea. La tematica di questa edizione è CONTRAST, perché nonostante nasca un intreccio, un’integrazione dell’opera d’arte in natura, si crea comunque sempre un contrasto tra l’intervento umano e l’evoluzione naturale insita nell’ambiente.
La mostra potrà essere visitata dal 1/07 fino al 9/09.

 

Gli artisti selezionati.

 
 


Loc. 1, Strada de La Vena
Collettivo artistico Luca Rossi,
Imola, ITA

 

Loc. 2. Ciastel de Tor
Adam James, Margate, UK

 


Loc. 3. Les Viles, Seres
Luca Roncoroni, Droebak, NO

Loc. 4 Pares
David Duzzi, Bolzano, ITA

 
 

Loc. 5. Munt d'Adagn
Amin Hak-Hagir, Irene Hopfgartner, Wien, AUT

 

Loc. 6. Pra de Pütia
Ilyn Wong, Berlin, D

Loc. 7. Chi Jus
Luca Chiesura, Belluno, ITA

 
 

Loc. 8 Plan de Corones
Gaia Lionello, Mestre, ITA

 
 

Loc. 9. Fanes
Fabiano De Martin Topranin, Bolzano, ITA

 
 
.
cartina2.jpg

La giuria.

 
Not Vital, (nato nel 1948 a Sent, Switzerland) ha studiato a Parigi e a Roma prima di trasferirsi a New York nel 1976. Lavora principalmente come scultore, ma, nel corso della sua carriera, ha realizzato anche stampe, disegni, dipinti, progetti architettonici. Vital conduce una vita nomade e ciò influenza direttamente il suo lavoro, dal momento che spesso fa ricorso a materiali e manodopera locali. Website: www.notvital.com

Not Vital, (nato nel 1948 a Sent, Switzerland) ha studiato a Parigi e a Roma prima di trasferirsi a New York nel 1976. Lavora principalmente come scultore, ma, nel corso della sua carriera, ha realizzato anche stampe, disegni, dipinti, progetti architettonici. Vital conduce una vita nomade e ciò influenza direttamente il suo lavoro, dal momento che spesso fa ricorso a materiali e manodopera locali.
Website: www.notvital.com

Gianluca D'Incà Levis, Laureato in architettura allo IUAV di Venezia, è curatore d’arte e critico. Ideatore di Dolomiti Contemporanee (2011), curatore di Progettoborca e direttore del Nuovo Spazio di Casso. A partire dal 2010, ha avviato una serie di progetti curatoriali e di riflessioni che mettono in relazione l’arte contemporanea, la cultura dell’innovazione, il recupero di siti dismessi, e la montagna quale spazio-cantiere a cui applicare processualità rigenerative, culturali e funzionali. Websites: www.dolomiticontemporanee.net – www.twocalls.net – www.progettoborca.net

Gianluca D'Incà Levis, Laureato in architettura allo IUAV di Venezia, è curatore d’arte e critico.
Ideatore di Dolomiti Contemporanee (2011), curatore di Progettoborca e direttore del Nuovo Spazio di Casso.
A partire dal 2010, ha avviato una serie di progetti curatoriali e di riflessioni che mettono in relazione l’arte contemporanea, la cultura dell’innovazione, il recupero di siti dismessi, e la montagna quale spazio-cantiere a cui applicare processualità rigenerative, culturali e funzionali.
Websites: www.dolomiticontemporanee.netwww.twocalls.netwww.progettoborca.net

Letizia Ragaglia è laureata in museologia e arte contemporanea presso le Università di Firenze e Bologna, nonché all'École du Louvre e alla Sorbonne di Parigi. Ha lavorato come curatrice freelance specializzata in progetti per spazi pubblici per conto di varie istituzioni italiane ed internazionali. È stata membro della giuria per la Biennale di Venezia 54. Dal 2009, Ragaglia è direttrice del Museion di Bolzano. Website: www.museion.it

Letizia Ragaglia è laureata in museologia e arte contemporanea presso le Università di Firenze e Bologna, nonché all'École du Louvre e alla Sorbonne di Parigi.
Ha lavorato come curatrice freelance specializzata in progetti per spazi pubblici per conto di varie istituzioni italiane ed internazionali. È stata membro della giuria per la Biennale di Venezia 54. Dal 2009, Ragaglia è direttrice del Museion di Bolzano. Website: www.museion.it

 

Michael Petry, (b. Texas, 1960) has lived in London since 1981. He studied at Rice University, Houston (BA), London Guildhall University (MA), and has a Doctor in Arts from Middlesex University. Petry is an artist, author and Director of the Museum of Contemporary Art (MOCA) London, and Guest Curator for Futurecity.  He co-founded the Museum of Installation, and was Guest Curator at the Kunstakademiet, Oslo, and Research Fellow at the University of Wolverhampton and was Curator of the Royal Academy Schools Gallery. Petry is a Fellow of the Royal British Society of Sculptors (FRBS) and a Brother of the Art Workers Guild.
Website: www.michaelpetry.net

Lois Anvidalfarei è nato a Badia nel 1962. Dal 1976 al 1981 frequenta l’Istituto d’Arte di Ortisei in Val Gardena. Nel 1983 inizia a studiare all’Accademia di Arti Figurative di Vienna. Vive e lavora a Badia. Ha avuto numerose mostre personali e collettive in diversi paesi europei. Nel 2011 partecipa alla Biennale di Venezia e nel 2013 ha una mostra personale al MACRO di Roma. Website: www.loisanvidalfarei.it

Lois Anvidalfarei è nato a Badia nel 1962. Dal 1976 al 1981 frequenta l’Istituto d’Arte di Ortisei in Val Gardena. Nel 1983 inizia a studiare all’Accademia di Arti Figurative di Vienna. Vive e lavora a Badia. Ha avuto numerose mostre personali e collettive in diversi paesi europei. Nel 2011 partecipa alla Biennale di Venezia e nel 2013 ha una mostra personale al MACRO di Roma.
Website: www.loisanvidalfarei.it

 
 
Screen Shot 2016-11-23 at 16.38.05.png
 

.

IMG_2313_GW.jpg